Dieci anni dopo trapianto scrive a moglie donatore: “Grazie”

(Adnkronos) – (di Elvira Terranova) – "Ciao Marina, non mi conosci, mi presento: io sono Luigi e 10 anni fa tuo marito mi salvò la vita". E' il 27 luglio quando Marina Fontana, una donna palermitana, riceve una mail. Per lei è una data particolare. Di dolore. Esattamente dieci anni fa ha perso il marito, Roberto Cona, in un incidente stradale in autostrada mentre la coppia stava venendo in Sicilia per trascorrere le vacanze insieme. La macchina venne investita in pieno da un tir. E lei rimase gravemente ferita. Il mittente di quella mail è uno sconosciuto. Quella parole stravolgono la giornata di Marina. Non sa cosa pensare. Continua a leggere: "Domani sono 10 anni che sono stato trapiantato di fegato all'ospedale Cisanello di Pisa. Tuo marito sarĂ  sempre il mio angelo! Io in tutti questi anni ho sempre fatto fare una messa per Roberto, ma ho avuto il coraggio di scriverti solo adesso. Grazie infinite!". Marina Fontana inizia una ricerca, contatta la persona che le ha scritto. Ed è proprio uno dei pazienti ad avere ricevuto uno degli organi trapiantati al marito Roberto dopo l'incidente mortale. "Dal mese di dicembre 2013 mi sono messo sul computer per rintracciare quelli che avevano donato gli organi poichĂ© facevo la fotoferesi a Cinisello, ho saputo che il mio organo veniva da Careggi – continua Luigi -Io sono stato chiamato dall'ospedale alle ore 20.30 dicendomi che dovevo stare in ospedale entro le ore 23.30 per la preparazione".  Senza quel trapianti, Luigi sarebbe morto pochi giorni dopo. "Mia figlia mi aiutato a scriverti perchĂ© non riuscivo a scrivere per l’emozione che ho provato – prosegue – Grazie alla sua generositĂ  sono tornato in vita. Grazie a te e tutta la famiglia di Roberto con un grande grande grande abbraccio". All'indomani anche la figlia di Luigi, ha scritto a Marina: "Suo marito sarĂ  sempre l'angelo della nostra famiglia. Grazie al suo gesto io e i miei 2 fratelli abbiamo ancora un padre! Pochi giorni prima del trapianto di papĂ  ormai eravamo certi che se non fosse avvenuto un miracolo papĂ  sarebbe morto, oltre alle condizioni fisiche ormai gravissime, la sua condizione aveva anche intaccato il cervello e giĂ  da un po' non ci riconosceva piĂą…grazie a suo marito, grazie a lei che lo ha permesso, abbiamo ancora un papĂ ". Marina Fontana, quel giorno di dolore, decise di donare gli organi del marito. Il fegato, i polmoni, i reni. Un gesto che ha salvato almeno sei persone. "Ho sofferto tanto, oggi sono serena, ma ho dovuto fare un percorso di elaborazione del dolore e di guarigione dai postumi dell’incidente non facile, una roccia non si diventa mai, ma con l’amore di chi ti ama davvero, la mia meravigliosa famiglia, e con la Fede, ci puoi provare e anche riuscire, piano piano. Oggi spero che anche per gli altri trapiantati sia stato così, e che anche loro stiano bene, e siano felici", dice Marina Fontana all'Adnkronos. Chi ha ucciso Roberto Cona, quel 27 luglio di dieci anni fa, mentre guidava il suo tir non ha mai scontato un giorno di carcere nonostante la pena a 3 anni di reclusione. "Eravamo in coda in autostrada, con mio marito viaggiavamo da Milano in Sicilia, fermi per una coda di macchine causata da lavori in corso, al chilometro 260, in Toscana vicino Firenze, tra Rioveggio e Barberino", ricorda Marina. "Un tir con un autista di nazionalitĂ  turca, ci è venuto addosso con violenza, colpendo la nostra Lancia Thesis con la potenza distruttiva di una bomba – dice Marina Fontana -. E 12 ore dopo, all'ospedale Careggi di Firenze, dove siamo stati trasportati gravissimi sia io che Roberto, alle 13.15 del 27 luglio 2013, mio marito Roberto è morto, la chiamano morte cerebrale, abbiamo donato i suoi organi". "Sono bastati pochi secondi di irresponsabile follia, di un autista scostumato, che guidava il suo tir senza alcun rispetto delle regole del codice della strada, e senza alcuna attenzione per la vita delle persone a cambiare la vita di una famiglia appena formata, io e Roberto avevamo solo un anno e tre mesi di matrimonio e volevamo un figli; questo bambino/a non è mai nato". Quel conducente del tir "ha cambiato per sempre il mio destino e quello della mia famiglia, senza mai pagare o chiedere scusa per quello che ha fatto", ha ribadito in questi anni Marina Fontana. In questi anni Marina Fontana ha dovuto combattere anche contro la burocrazia. "Ricordo che pochi mesi dall'incidente, quando ero ancora impossibilitata a camminare da sola, qualcuno mi presentò il costo del deposito che aveva preso in custodia l'auto ridotta a rottame, con una nota che riportava: “Soccorso stradale, recupero difficoltoso, spese di demolizione, trasporto a demolizione, sosta dal 27/07/2013 al 15/01/2014”. Per un totale di 1.641 euro – denunciò ancora Marina – Ricordo che allora mi arrabbiai molto, ero ferita come cittadina italiana e delusa dalla giustizia, e scrissi qui su Facebook: “Senza parole. Il dolore e la beffa, ci hanno distrutto, massacrati, rubato il futuro e la vita di Robi e arriva da pagare..”. Naturalmente pagai immediatamente la fattura". In questi anni Marina Fontana, nonostante gli acciacchi di salute, postumi dell'incidente, non si è mai fermata nella sua lotta contro gli incidenti stradali. "Io so che niente e nessuno mi fermerĂ  finchĂ© non avremo vinto anche questa battaglia, la mia e la vostra battaglia per una vera presa di coscienza di quanto sia indispensabile che l'unica strada possibile per chi guida debba essere la responsabilitĂ  di tutti alla volante", ha sempre ribadito. Ma oggi il pensiero di Marina Fontana va a Luigi, l'uomo che ha ricevuto il fegato di Roberto Cona e che solo grazie a questo gesto è vivo e può continuare a vivere. "Io penso che la vita mi abbia voluto dare un segno, proprio nel giorno del 10mo anniversario della morte del mio Roberto, ho sempre sperato di conoscerli. La legge tutela l’anonimato ed è una legge saggia, spesso è difficile gestire le emozioni e i comportamenti. Donare è un gesto d’amore unico, quello di un amore universale e gratuito – dice ancora all'Adnkronos – Le persone che sono riuscite a conoscersi, ci sono arrivate attraverso ricerche autonome, e perchĂ© i media hanno parlato in generale della storia di uno dei protagonisti e l’altro lo ha riconosciuto e si è riconosciuto, come nel nostro caso. E poi se la vita vuole farti il dono di farvi conoscere, questo segno arriva, e arriva quando meno te lo aspetti, anche a distanza di anni. Io ho sempre pregato per loro e ho sempre pensato che ero felice di immaginarli guariti. Oggi ne ho la conferma, almeno per uno dei sei". "Per me donazione significa scegliere l’amore per la vita e donare vita in modo altruista, per far vincere la vita sulla morte ingiusta di Roberto, la scelta giusta anche se il tuo cuore in quel momento sta vivendo un dolore atroce", dice Marina Fontana. E ricorda: "La vita è bella, non dimentichiamolo mai. E non rubiamola agli altri e a noi stessi con gesti irresponsabili alla guida". —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Da non perdere
Recensioni
Valutazione di ECCELLENTE
In base a 24 recensioni
Ottima esperienza, Paolo ed Emiliano molto professionali e precisi!
alessandro pasqual
alessandro pasqual
2024-03-26
La conduzione ed i contenuti sono ottimi! Complimenti continuerò a seguirvi!
Angelica Bianco
Angelica Bianco
2024-03-22
Bellissima intervista e giornalisti top
Cristina Orsatti wedding planner
Cristina Orsatti wedding planner
2024-03-22
Casa Radio è una vera innovazione nel settore immobiliare, che permette di ascoltare molteplici temi, legati all’Abitare! Complimenti a tutto il team!
Federico Pagliuca
Federico Pagliuca
2024-03-13
Piacevolissima chiacchierata e notevoli gli spunti ricevuti per una piacevole ed interessante conversazione.
Fernando Caprino
Fernando Caprino
2024-02-21
Professionalità e passione garantita con persone che sanno metterti a tuo agio nel raccontarti e nell’offrire la tua esperienza e riflessioni al loro pubblico. Grazie.
Roberto “Roby'ncool” Vitali
Roberto “Roby'ncool” Vitali
2024-02-19
Ho trovato l’esperienza molto soddisfacente. Grande professionalità ma allo stesso tempo accoglienza.
Cristian Catania
Cristian Catania
2024-02-19
Esperienza interessante ed emozionante, conduttori simpaticissimi e di notevole supporto che mi hanno saputo mettere a mio agio fin da subito.
Stefano Sanciu
Stefano Sanciu
2024-02-19

Collabora con noi

Promuovi il tuo business con noi!

Siamo proiettati al 100% verso il nostro pubblico che, ci segue e si fida per la nostra straordinaria capacitĂ  di scegliere i migliori partners sul mercato.

  • Seleziona categoria

  • Seleziona l'autore