Transizione verde troppo lenta per gli europei

(Adnkronos) – Più di tre quarti dei cittadini dell'Unione Europea pensa che il cambiamento climatico sia un grave problema per il mondo. La maggioranza ritiene che l'Unione europea, i governi nazionali, le imprese e l'industria siano responsabili della lotta al cambiamento climatico e il 35% si ritiene personalmente responsabile.  In questo contesto si colloca il nuovo sondaggio Eurobarometro, secondo il quale oltre la metà degli europei intervistati pensa che la transizione verso un'economia verde dovrebbe essere accelerata di fronte ai picchi dei prezzi dell'energia e alle preoccupazioni per le forniture di gas dopo l'invasione russa dell'Ucraina.  Dal punto di vista economico, il 73% degli europei concorda sul fatto che il costo dei danni dovuti ai cambiamenti climatici è molto più elevato dell'investimento necessario per una transizione verde e tre quarti (75%) degli europei concordano sul fatto che agire sul clima porterà all'innovazione. I sondaggi Eurobarometro sono lo strumento di sondaggio ufficiale utilizzato dal Parlamento europeo, dalla Commissione europea e da altre istituzioni e agenzie dell'UE per monitorare regolarmente lo stato dell'opinione pubblica in Europa su questioni relative all'Unione europea e gli atteggiamenti su temi di natura politica o sociale.  Questo Eurobarometro speciale è l'ultimo di una serie incentrata sull’“Atteggiamento degli europei nei confronti del cambiamento climatico”. Il rapporto copre sei aree principali: Sono stati intervistati 26.358 cittadini dell'UE appartenenti a diversi gruppi sociali e demografici in tutti i 27 Stati membri. Il sondaggio è stato condotto tra il 10 maggio e il 15 giugno 2023. Tutte le interviste sono state condotte faccia a faccia, fisicamente nelle case delle persone o attraverso l'interazione video a distanza. I cittadini europei continuano a sostenere in modo schiacciante la transizione energetica, considerano l'ambiente e il cambiamento climatico come una delle questioni importanti che l'Unione Europea deve affrontare e si aspettano massicci investimenti nelle energie rinnovabili. Più di otto intervistati su dieci ritengono che sia importante che il proprio governo nazionale (86%) e l'Unione europea (85%) agiscano per migliorare l'efficienza energetica entro il 2030 (ad esempio incoraggiando le persone a isolare la propria abitazione, installare pannelli solari o acquistare auto elettrica). Il 58% dei cittadini dell'UE ritiene che l'uso delle fonti energetiche rinnovabili dovrebbe essere accelerato, l'efficienza energetica aumentata e la transizione verso un'economia verde accelerata, considerando i picchi dei prezzi dell'energia e le restrizioni sull'approvvigionamento di gas dovute alle azioni della Russia. Più di tre quarti (77%) di tutti gli intervistati ritiene che il cambiamento climatico sia un problema molto serio in questo momento, classificando la gravità del cambiamento climatico tra 7 e 10 su una scala fino a 10. Il cambiamento climatico è considerato il problema più grave che il mondo deve affrontare dagli intervistati in sette paesi: Belgio, Danimarca, Germania, Irlanda, Malta, Paesi Bassi, Austria, Finlandia e Svezia. Si colloca tra i primi tre in 16 dei 27 Stati membri. Tre quarti degli intervistati (75%) concordano sul fatto che agire sul cambiamento climatico porterà a un'innovazione che renderà le imprese dell'UE più competitive (29% totalmente d'accordo, 46% tendenzialmente d'accordo). Quasi altrettanti (73%) concordano sul fatto che il costo dei danni causati dal cambiamento climatico è molto più alto del costo dell'investimento in una transizione verde (33% totalmente d'accordo, 40% tendenzialmente d'accordo).  Sette intervistati su dieci (70%) concordano sul fatto che la riduzione delle importazioni di combustibili fossili dall'esterno dell'UE può aumentare la sicurezza energetica e avvantaggiare economicamente l'UE (27% totalmente d'accordo, 43% tendenzialmente d'accordo). Quasi otto su dieci (78%) sono d'accordo sul fatto che si dovrebbe destinare più sostegno finanziario pubblico alla transizione verso le energie pulite, anche se ciò significa ridurre i sussidi ai combustibili fossili (36% totalmente d'accordo, 42% tendenzialmente d'accordo). Quasi nove cittadini dell'UE su dieci (88%) concordano sul fatto che le emissioni di gas a effetto serra dovrebbero essere ridotte al minimo, compensando al contempo le emissioni rimanenti per rendere l'UE climaticamente neutra entro il 2050. Quasi nove europei su dieci (87%) pensano che sia importante che l'UE fissi obiettivi ambiziosi per aumentare l'uso di energia rinnovabile e un numero simile (85%) ritiene che sia importante che l'UE agisca per migliorare l'efficienza energetica, ad esempio incoraggiando le persone a isolare la propria casa, installare pannelli solari o comprare auto elettriche. Sette intervistati su dieci (70%) ritengono che la riduzione delle importazioni di combustibili fossili possa aumentare la sicurezza energetica e apportare vantaggi economici all'UE. La grande maggioranza dei cittadini dell'UE sta già intraprendendo azioni individuali per il clima (93%) e compiendo consapevolmente scelte sostenibili nella vita quotidiana. Tuttavia, alla domanda su chi è responsabile per affrontare il cambiamento climatico, i cittadini hanno sottolineato la necessità di altre riforme per accompagnare l'azione individuale, sottolineando anche la responsabilità dei governi nazionali (56%), dell'UE (56%) e delle imprese e dell'industria (53%). Anche i cittadini europei avvertono la minaccia del cambiamento climatico nella loro vita quotidiana. In media, oltre un terzo degli europei si sente personalmente esposto a rischi e minacce ambientali e legati al clima, e più della metà si sente in questo modo in 7 Stati membri, principalmente nell'Europa meridionale ma anche in Polonia e Ungheria.  La maggioranza degli europei ritiene che la transizione verso un'economia verde debba essere accelerata. La transizione verde offrirà ampi vantaggi ai cittadini e le generazioni future inclusi, migliori e più convenienti, trasporto pubblico, un approvvigionamento sicuro di energia più pulita, il ripristino della biodiversità e dell'aria più pulita e nuovi posti di lavoro e competenze. —sostenibilita/lifestylewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Da non perdere
Recensioni
Valutazione di ECCELLENTE
In base a 24 recensioni
Ottima esperienza, Paolo ed Emiliano molto professionali e precisi!
alessandro pasqual
alessandro pasqual
2024-03-26
La conduzione ed i contenuti sono ottimi! Complimenti continuerò a seguirvi!
Angelica Bianco
Angelica Bianco
2024-03-22
Bellissima intervista e giornalisti top
Cristina Orsatti wedding planner
Cristina Orsatti wedding planner
2024-03-22
Casa Radio è una vera innovazione nel settore immobiliare, che permette di ascoltare molteplici temi, legati all’Abitare! Complimenti a tutto il team!
Federico Pagliuca
Federico Pagliuca
2024-03-13
Piacevolissima chiacchierata e notevoli gli spunti ricevuti per una piacevole ed interessante conversazione.
Fernando Caprino
Fernando Caprino
2024-02-21
Professionalità e passione garantita con persone che sanno metterti a tuo agio nel raccontarti e nell’offrire la tua esperienza e riflessioni al loro pubblico. Grazie.
Roberto “Roby'ncool” Vitali
Roberto “Roby'ncool” Vitali
2024-02-19
Ho trovato l’esperienza molto soddisfacente. Grande professionalità ma allo stesso tempo accoglienza.
Cristian Catania
Cristian Catania
2024-02-19
Esperienza interessante ed emozionante, conduttori simpaticissimi e di notevole supporto che mi hanno saputo mettere a mio agio fin da subito.
Stefano Sanciu
Stefano Sanciu
2024-02-19

Collabora con noi

Promuovi il tuo business con noi!

Siamo proiettati al 100% verso il nostro pubblico che, ci segue e si fida per la nostra straordinaria capacità di scegliere i migliori partners sul mercato.

  • Seleziona categoria

  • Seleziona l'autore