Golpe in Niger, volo speciale per rientro italiani. Al via evacuazione francesi

(Adnkronos) – "Il governo italiano ha deciso di offrire ai nostri concittadini presenti a Niamey la possibilità di lasciare la città con un volo speciale per l'Italia. L'Ambasciata a Niamey resterà aperta e operativa, anche per contribuire agli sforzi di mediazione in corso" dopo il golpe nel Paese. Così su Twitter il ministro degli Esteri, Antonio Tajani. Intanto inizierà "oggi" l'operazione di evacuazione dei francesi dal Niger. Lo ha annunciato il ministero degli Esteri di Parigi, precisando che saranno evacuati "anche i cittadini europei che desiderano lasciare il Paese".  I cittadini francesi saranno evacuati da Niamey, la capitale, "molto presto e in pochissimo tempo", aveva riferito in precedenza il sito di Le Figaro, citando un messaggio dell'ambasciata francese a Niamey in cui si annunciava che "si sta preparando un'operazione di evacuazione per via aerea" dopo il colpo di Stato della scorsa settimana. Malgrado il golpe, la situazione a Niamey è "molto calma" da domenica pomeriggio. Lo ha riferito il corrispondente dell'emittente francese Bfmtv, Amaury Hauchard, precisando che dopo l'attacco all'ambasciata transalpina non si sono più registrate proteste. "Qui si parla poco di questo sentimento antifrancese di cui si parla invece tanto all'estero", ha proseguito il giornalista. "Ci sono molte persone che ci hanno detto: 'non siete voi i bersagli, è la Francia e il sistema francese. Per voi cittadini nessun problema'", ha aggiunto. Intanto Mali e Burkina Faso ammoniscono: un intervento militare in Niger sarebbe una dichiarazione di guerra contro di noi. In un comunicato congiunto dei portavoce dei due governi, Abdoulaye Maiga e Jean Emmanuel Ouédraogo, rivolto ai leader della Comunità economica dei Paesi dell'Africa occidentale (Ecowas), si legge: "Avvertiamo che qualsiasi intervento militare contro il Niger equivarrebbe a una dichiarazione di guerra contro Burkina Faso e Mali". E minacciano che, qualora si arrivasse a questo punto, si ritirerebbero dall'Ecowas e adotterebbero misure di "autodifesa in appoggio alle Forze armate e al popolo del Niger". Entrambi i governi insistono poi sulle "nefaste conseguenze" di un eventuale intervento militare, che potrebbe "destabilizzare tutta la regione" e ricordano quanto avvenne "in Libia con la Nato", causa a loro dire della diffusione del terrorismo nel Sahel e in Africa occidentale. Infine, si definiscono "profondamente indignati e sorpresi" per "l'atteggiamento avventuriero di alcuni leader" della regione e per il loro "desiderio di usare la forza". Il golpe in Niger "ha ulteriormente complicato uno scenario della sicurezza che stava già peggiorando". E' l'allarme lanciato dal rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite per l'Africa Occidentale e il Sahel, Leonardo Santos Simao, che ha ribadito la condanna del colpo di Stato della settimana scorsa. Dal canto suo, il portavoce di Antonio Guterres, Farhan Haq, ha assicurato che Simao continua a parlare con tutte le parti perché sia ripristinato "l'ordine costituzionale e siano consolidate le conquiste democratiche". In Niger dopo il colpo di Stato militare "seguiamo la situazione minuto per minuto" e "prendiamo la questione della sicurezza del nostro personale molto seriamente. Lo dice la portavoce della Commissione Europea per gli Affari Esteri Nabila Massrali, durante il briefing con la stampa a Bruxelles. L'Ue ha deciso di dare al suo personale l'opzione di lasciare" il Paese "su base volontaria dopo il colpo di Stato, ma in questa fase non prendiamo alcuna decisione di evacuare formalmente il nostro personale. La presenza dell'Ue nel Paese rimarrà, in questa fase".  In Niger dopo il colpo di Stato militare "seguiamo la situazione minuto per minuto" e "prendiamo la questione della sicurezza del nostro personale molto seriamente. Lo dice la portavoce della Commissione Europea per gli Affari Esteri Nabila Massrali, durante il briefing con la stampa a Bruxelles. L'Ue ha deciso di dare al suo personale l'opzione di lasciare" il Paese "su base volontaria dopo il colpo di Stato, ma in questa fase non prendiamo alcuna decisione di evacuare formalmente il nostro personale. La presenza dell'Ue nel Paese rimarrà, in questa fase".  
Sono circa 600 i civili francesi attualmente in Niger. Lo ha reso noto il ministero degli Esteri transalpino, che poche ore fa ha annunciato che oggi inizierà la loro evacuazione dal Paese africano, dove la Francia schiera anche circa 1.500 soldati. Al Quai d'Orsay, secondo l'emittente Bfmtv, è in corso una riunione di crisi per preparare l'evacuazione dei francesi, mentre proseguono i contatti con l'ambasciata francese a Niamey e le autorità nigerine perché lo spazio aereo del Paese è ancora chiuso.    —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

In primo piano
Da non perdere
Recensioni
Valutazione di ECCELLENTE
In base a 25 recensioni
E' stato molto coinvolgente e divertente poter condividere con Paolo ed Emiliano in diretta radio il mondo del real estate pugliese
Rico Conte
Rico Conte
2024-04-10
Ottima esperienza, Paolo ed Emiliano molto professionali e precisi!
alessandro pasqual
alessandro pasqual
2024-03-26
La conduzione ed i contenuti sono ottimi! Complimenti continuerò a seguirvi!
Angelica Bianco
Angelica Bianco
2024-03-22
Bellissima intervista e giornalisti top
Cristina Orsatti wedding planner
Cristina Orsatti wedding planner
2024-03-22
Casa Radio è una vera innovazione nel settore immobiliare, che permette di ascoltare molteplici temi, legati all’Abitare! Complimenti a tutto il team!
Federico Pagliuca
Federico Pagliuca
2024-03-13
Piacevolissima chiacchierata e notevoli gli spunti ricevuti per una piacevole ed interessante conversazione.
Fernando Caprino
Fernando Caprino
2024-02-21
Professionalità e passione garantita con persone che sanno metterti a tuo agio nel raccontarti e nell’offrire la tua esperienza e riflessioni al loro pubblico. Grazie.
Roberto “Roby'ncool” Vitali
Roberto “Roby'ncool” Vitali
2024-02-19
Ho trovato l’esperienza molto soddisfacente. Grande professionalità ma allo stesso tempo accoglienza.
Cristian Catania
Cristian Catania
2024-02-19
Esperienza interessante ed emozionante, conduttori simpaticissimi e di notevole supporto che mi hanno saputo mettere a mio agio fin da subito.
Stefano Sanciu
Stefano Sanciu
2024-02-19

Collabora con noi

Promuovi il tuo business con noi!

Siamo proiettati al 100% verso il nostro pubblico che, ci segue e si fida per la nostra straordinaria capacità di scegliere i migliori partners sul mercato.

  • Seleziona categoria

  • Seleziona l'autore