Finanza sostenibile, la Commissione Ue adotta gli standard europei di rendicontazione

(Adnkronos) – La Commissione europea ha adottato gli standard europei di rendicontazione sulla sostenibilità (ESRS) che devono essere utilizzati da tutte le società soggette alla direttiva sulla rendicontazione della sostenibilità delle imprese: un passo avanti nella transizione verso un'economia europea sostenibile. Si tratta di 12 standard che coprono l'intera gamma di questioni ambientali, sociali e di governance, compresi i cambiamenti climatici, la biodiversità e i diritti umani. “Le norme che abbiamo adottato sono ambiziose e rappresentano uno strumento importante a sostegno dell'agenda della finanza sostenibile dell'UE. Trovano il giusto equilibrio tra la limitazione dell'onere per le società che effettuano segnalazioni e allo stesso tempo consentono alle aziende di mostrare gli sforzi che stanno compiendo per rispettare l'agenda del Green Deal e, di conseguenza, avere accesso a finanziamenti sostenibili" ha dichiarato Mairead McGuinness, commissaria per i servizi finanziari, la stabilità finanziaria e l'Unione dei mercati dei capitali. Il diritto dell'Unione Europea impone a tutte le grandi imprese e a tutte le società quotate (ad eccezione delle microimprese quotate) di divulgare informazioni su quelli che considerano i rischi e le opportunità derivanti da questioni sociali e ambientali e sull'impatto delle loro attività sulle persone e sull'ambiente. Questo aiuta gli investitori, le organizzazioni della società civile, i consumatori e altre parti interessate a valutare le prestazioni di sostenibilità delle aziende, come parte del Green Deal europeo. In linea con la direttiva sulla rendicontazione aziendale sulla sostenibilità (CSRD), che delinea l'obbligo per le aziende di utilizzare gli standard per adempiere ai loro obblighi legali di rendicontazione sulla sostenibilità, la Commissione sta adottando standard comuni che aiuteranno le aziende a comunicare e gestire le loro prestazioni di sostenibilità in modo più efficiente e quindi avere un migliore accesso a finanziamenti sostenibili. Gli standard europei di rendicontazione sulla sostenibilità (ESRS) saranno inderogabili per l'uso da parte delle società obbligate dalla direttiva contabile a comunicare determinate informazioni sulla sostenibilità. Richiedendo l'uso di standard comuni, la direttiva contabile, come modificata dal CSRD nel 2022, mira a garantire che le aziende di tutta l'UE comunichino informazioni sulla sostenibilità comparabili e affidabili.  Attualmente, i problemi nella qualità della rendicontazione sulla sostenibilità creano un divario di responsabilità. La rendicontazione pubblica affidabile e di alta qualità da parte delle aziende contribuirà a creare una cultura di maggiore responsabilità pubblica. Ci sono 12 ESRS, che coprono l'intera gamma di questioni di sostenibilità. Forniscono informazioni agli investitori per comprendere l'impatto sulla sostenibilità delle società in cui investono. Tengono inoltre conto delle discussioni con l'International Sustainability Standards Board (ISSB) e la Global Reporting Initiative (GRI) al fine di garantire un grado molto elevato di interoperabilità tra gli standard dell'UE e quelli globali e di evitare inutili doppie segnalazioni da parte delle imprese. Gli ESRS adottano una prospettiva di “doppia materialità”, ovvero obbligano le imprese a rendicontare sia sui loro impatti su persone e ambiente, sia su come le questioni sociali e ambientali creare rischi e opportunità finanziarie per l'azienda. L'ESRS 1 ("Requisiti generali") stabilisce i principi generali da applicare nella rendicontazione secondo l'ESRS e non stabilisce di per sé specifici requisiti di informativa. L'ESRS 2 ("Informazioni generali") specifica le informazioni essenziali da divulgare indipendentemente dall'aspetto della sostenibilità preso in considerazione. ESRS 2 è obbligatorio per tutte le società che rientrano nell'ambito CSRD. Tutti gli altri standard e i singoli obblighi di informativa e punti dati al loro interno sono soggetti a una valutazione di materialità: clima, inquinamento, acqua e risorse marine, biodiversità ed ecosistemi, uso delle risorse ed economia circolare, personale proprio, i lavoratori nella catena del valore, comunità colpite, consumatori e utenti finali, condotta commerciale. Ciò significa che la società riporterà solo le informazioni rilevanti e potrà omettere le informazioni in questione che non sono rilevanti per il proprio modello di business e attività Gli obblighi di informativa soggetti alla materialità non sono volontari. Le informazioni in questione devono essere divulgate se sono rilevanti e il processo di valutazione della rilevanza dell'impresa è soggetto a garanzia esterna in conformità con le disposizioni della direttiva contabile. Gli standard impongono alle imprese di eseguire una solida valutazione della materialità per garantire che tutte le informazioni sulla sostenibilità necessarie per soddisfare gli obiettivi e i requisiti della direttiva contabile siano divulgate. Se un'azienda conclude che il cambiamento climatico non è un tema materiale e pertanto non effettua la rendicontazione in conformità a tale standard, deve fornire una spiegazione dettagliata delle conclusioni della sua valutazione di materialità in relazione al cambiamento climatico. Questo requisito riflette il fatto che il cambiamento climatico ha impatti di vasta portata e sistemici in tutta l'economia.
 La Commissione si è adoperata per garantire un altissimo livello di allineamento tra l'ESRS e gli standard dell'International Sustainability Standards Board (ISSB) e della Global Reporting Initiative (GRI). Dall'inizio dello sviluppo della bozza dell'ESRS da parte dell'EFRAG, il GRI è stato un importante punto di riferimento e molti dei requisiti di rendicontazione dell'ESRS sono stati ispirati dagli standard GRI. L'ESRS ei primi due standard dell'ISSB, pubblicati a giugno, sono stati sviluppati parallelamente. Discussioni intense e costruttive tra la Commissione, l'EFRAG e l'ISSB hanno garantito un livello molto elevato di allineamento laddove le due serie di norme si sovrappongono. Le aziende che sono tenute a riferire in conformità con l'ESRS sui cambiamenti climatici riporteranno in larga misura le stesse informazioni delle aziende che utilizzeranno lo standard ISSB sulle divulgazioni relative al clima. Le divulgazioni sui cambiamenti climatici ai sensi dell'ESRS forniranno ulteriori informazioni sugli impatti rilevanti per gli utenti diversi dagli investitori come partner commerciali, sindacati, parti sociali e accademici.  L'altissimo grado di allineamento tra l'ESRS e i due standard ISSB mira a evitare che le società tenute a effettuare la segnalazione in conformità all'ESRS e che desiderano conformarsi anche agli standard ISSB, debbano effettuare una segnalazione separata secondo gli standard ISSB. Con l'adozione dell'ESRS, l'UE va oltre qualsiasi altra grande giurisdizione fino ad oggi in termini di integrazione degli standard ISSB nel proprio quadro giuridico. In tal modo, l'UE fornisce un importante contributo allo sviluppo di un quadro globale coerente e alla comparabilità globale delle informazioni sulla sostenibilità comunicate. L'approccio di integrare i requisiti di informativa dell'ISSB nell'ESRS è inoltre pienamente in linea con l'ambizione della recente decisione della IOSCO di approvare gli standard di informativa relativi alla sostenibilità dell'ISSB. Gli obblighi di segnalazione verranno introdotti gradualmente nel tempo per le diverse società. A partire da gennaio 2024, le grandi società dell'UE quotate saranno tenute a utilizzare l'ESRS, come stabilito dalla direttiva sul reporting di sostenibilità aziendale (CSRD). L'atto delegato ESRS adottato dalla Commissione sarà formalmente trasmesso nella seconda metà di agosto al Parlamento europeo e al Consiglio per esame. Il periodo di controllo ha una durata di due mesi, prorogabile di altri due mesi. Il Parlamento europeo o il Consiglio possono respingere l'atto delegato, ma non modificarlo.  Le aziende dovranno iniziare a segnalare sotto ESRS secondo il seguente calendario:  —sostenibilitawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Da non perdere
Recensioni
Valutazione di ECCELLENTE
In base a 24 recensioni
Ottima esperienza, Paolo ed Emiliano molto professionali e precisi!
alessandro pasqual
alessandro pasqual
2024-03-26
La conduzione ed i contenuti sono ottimi! Complimenti continuerò a seguirvi!
Angelica Bianco
Angelica Bianco
2024-03-22
Bellissima intervista e giornalisti top
Cristina Orsatti wedding planner
Cristina Orsatti wedding planner
2024-03-22
Casa Radio è una vera innovazione nel settore immobiliare, che permette di ascoltare molteplici temi, legati all’Abitare! Complimenti a tutto il team!
Federico Pagliuca
Federico Pagliuca
2024-03-13
Piacevolissima chiacchierata e notevoli gli spunti ricevuti per una piacevole ed interessante conversazione.
Fernando Caprino
Fernando Caprino
2024-02-21
Professionalità e passione garantita con persone che sanno metterti a tuo agio nel raccontarti e nell’offrire la tua esperienza e riflessioni al loro pubblico. Grazie.
Roberto “Roby'ncool” Vitali
Roberto “Roby'ncool” Vitali
2024-02-19
Ho trovato l’esperienza molto soddisfacente. Grande professionalità ma allo stesso tempo accoglienza.
Cristian Catania
Cristian Catania
2024-02-19
Esperienza interessante ed emozionante, conduttori simpaticissimi e di notevole supporto che mi hanno saputo mettere a mio agio fin da subito.
Stefano Sanciu
Stefano Sanciu
2024-02-19

Collabora con noi

Promuovi il tuo business con noi!

Siamo proiettati al 100% verso il nostro pubblico che, ci segue e si fida per la nostra straordinaria capacità di scegliere i migliori partners sul mercato.

  • Seleziona categoria

  • Seleziona l'autore